Differenza tra Ripetitore Wifi e Powerline, quale scegliere?

Segnale internet debole e non arriva a sufficienza in tutte le stanze? Dobbiamo subito risolvere con dei dispositivi fatti a posta per l’occasione, vediamo la differenza tra Ripetitore Wifi e Powerline. Hanno entrambi lo stesso obiettivo ma non sono la stessa cosa e non raggiungono lo stesso risultato.

Il Ripetitore Wifi è un dispositivo che permette di captare una quantità di segnale in un punto della casa e riportarlo più avanti di quanto possa fare il Modem Router d’origine, mentre il Powerline fa viaggiare il segnale internet da un punto della casa ad un altro tramite i fili del nostro impianto elettrico. Quindi qual’è il migliore? Dipende dai casi…

Ripetitore Wifi

Il dispositivo in questione raggiunge dei buoni risultati quando lo andiamo ad installare sullo stesso piano di casa, e montandolo a metà strada dove il segnale sta per calare lui riprende ad esempio le tre tacche rilevate e le trasporta per altri metri più avanti a seconda della potenza dell’Extender. Questo funziona nel caso in cui abbiamo abbastanza prese elettriche tra un punto e l’altro, e che i muri di casa non siano tanto spessi o di cemento armato.

Come si configura un Ripetitore Wifi?

Facilissimo, basterà attaccarlo alla corrente vicino al Modem/Router aspettare qualche secondo che si accende, poi premere il tasto WPS sul Modem per qualche secondo, successivamente premerlo anche sul ripetitore, e attendere che i due si passino le password. Fatto questo vedrete che l’estensore avrà quasi tutti i led accesi, questo significa che comunicano fra loro, adesso basterà staccarlo e posizionarlo a metà strada in modo che porti a destinazione una quantità di segnale Wifi sufficiente.

Una volta terminata l’installazione troveremo in casa un ulteriore Wifi con lo stesso nome o diverso che finisce con _EXT, ad esempio TIM-2324532(originale) e TIM-2324532_EXT(quello dell’Extender), oppure se abbiamo il sistema Mesh avrà lo stesso nome del Wifi in origine. Quindi basterà connettere i nostri dispositivi alla rete Wifi estesa, e saranno loro a decidere di passare da una rete all’altra quando il segnale di una viene a diminuire o mancare.

Powerline

Questo sistema per montarlo deve rispettare due regole: la prima è che deve operare sullo stesso impianto elettrico e non su case diverse, la seconda è che non vanno collegati su ciabatta elettrica ma diretti alla presa. Premesso ciò hanno il compito di portare lo stesso identico segnale da una parte all’altra della casa o dal 1° al 3° piano di casa la stessa intensità di segnale della fonte originaria fregandosene degli ostacoli all’interno dell’appartamento. Questo sistema è molto efficace e prevede un trasmettitore ed un ricevitore, che una volta entrati in comunicazione raggiungono il loro obiettivo, e hanno la possibilità di aggiungere anche ulteriori ricevitori da posizionare in più stanze o punti di casa per garantire massima copertura ovunque. Attenzione ce ne sono due tipi: Powerline solo via cavo e quello anche cavo+Wifi.

Configurare un Powerline

Per installarli basterà collegare il principale, di solito quello più piccolo alla presa elettrica e connetterlo al Modem con il cavo Ethernet. Successivamente collegare il secondario al punto di destinazione e attendere che i due comunichino, ce ne accorgeremo in quanto si accenderanno i led di aggancio del segnale. Fatto questo dovremo premere prima su uno e poi sull’altro il pulsante Pair, il quale conclude il circuito di connessione. Ora avremo nel punto di destinazione un nuovo Wifi con la password scritta nell’etichetta del dispositivo, al quale possiamo connetterci liberamente sia Wifi che con cavo Lan.

0 0 voti
Votami
Iscrizione
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
0
Fammi sapere cosa ne pensi, per favore commenta.x