Kings of Leon, la rock band multiplatino e vincitrice ai GRAMMY Awards ha pubblicato il nuovo album – il nono in studio – intitolato “Can We Please Have Fun”, e anticipato dal singolo “Nowhere to Run”, da oggi in tutte le radio italiane.

“Nowhere to Run” è accompagnato da un videoclip girato con la direzione creativa della band, ritratti mentre ballano e si scatenano.

La band ha avuto pieno controllo di tutti gli elementi creativi di questo disco, dall’inizio alla fine, gestendo ogni singolo dettaglio, dalla musica all’artwork, alle immagini e ai visual, originali e non convenzionali. Le clip sono state girate in due giorni a Nashville da loro.
È il tipo di musica che la band dice di aver sempre voluto fare: “Questo disco è stato speciale fin dall’inizio. Fin dal primo incontro (con Kid Harpoon), non avremmo potuto essere più in sintonia”, racconta Nathan. “È stato il disco più divertente a cui abbia mai partecipato”, dichiara Caleb. “È come se ci fossimo permessi di essere musicalmente vulnerabili”, aggiunge Nathan. “Mi piace quando una rock band non si vergogna di ammettere che ogni canzone non deve essere per forza la n. 11”.

A partire dal 14 agosto 2024, i KINGS OF LEON partiranno per il World Tour 2024. Prodotto da Live Nation, toccherà 26 città negli Stati Uniti e in Canada. La band è attesa inoltre come headliner al BST Hyde Park di Londra il prossimo 30 giugno.

Kings of Leon: una delle più grandi rock band del mondo

“CAN WE PLEASE HAVE FUN”, come suggerisce il titolo, è il manifesto di una delle più grandi rock band dei giorni d’oggi. Una band che si scatena, prova cose nuove e – ebbene sì – si diverte. Registrato presso lo studio Dark Horse di Nashville e prodotto insieme al nuovo collaboratore Kid Harpoon (Harry Styles, Florence + the Machine), l’album mostra un nuovo lato dei KINGS OF LEON.
Nel nuovo progetto discografico, la band ritorna alle proprie grintose origini e, al tempo stesso, si cimenta verso nuove direzioni. È il suono di una band coesa sia nella visione sia nello scopo, libera da ogni aspettativa, nonché l’album che i KINGS OF LEON hanno sempre voluto realizzare. “È stato il disco più divertente a cui abbia mai preso parte”, afferma Caleb.

I KINGS OF LEON si stanno preparando per un anno monumentale e sono pronti a conquistare il mondo. “Quando sei una band, c’è un legame come nessun altro… e quando sei una famiglia, hai un legame come nessun altro”, racconta Caleb. “Noi siamo entrambe le cose. Ho pensato: se mettiamo insieme tutte le nostre energie, chi può fermarci? Chi può fermarci se non noi?”.

La tracklist di “Can we please have fun?”

  • Ballerina Radio
  • Rainbow Ball
  • Nowhere To Run
  • Mustang
  • Actual Daydream
  • Split Screen
  • Don’t Stop The Bleeding
  • Nothing To Do
  • Television
  • Hesitation Generation
  • Ease Me On
  • Seen

La storia e i successi dei Kings of Leon

Dal loro debutto nel 2003 ad oggi, i KINGS OF LEON (Caleb (chitarra/voce), Nathan (batteria), Jared (basso) e Matthew Followill (chitarra) hanno pubblicato 8 album in studio: “Youth & Young Manhood” (2003), “Aha Shake Heartbreak” (2004), “Because of the Times” (2007), “Only by the Night” (2008), “Come Around Sundown” (2010), “Mechanical Bull” (2013), “WALLS” (2016), “When You See Yourself” (2021).
Hanno venduto oltre 20 milioni di album e quasi 40 milioni di singoli in tutto il mondo. La band multiplatino vanta 5 singoli nella classifica Billboard Hot 100, 7 album in studio nella Top 200 di Billboard e 2 singoli al 1° posto nella classifica radio Modern Rock. Con la pubblicazione di “WALLS”, la band ha debuttato con il loro album per la prima alla 1° posizione nella Billboard Top 200. Inoltre, hanno ottenuto 8 nomination ai Grammy, 3 vittorie ai Grammy Awards, 3 NME Awards, 2 Brit Awards e 1 Juno Award.
Si sono esibiti in tutto il mondo, suonando nelle più importanti location e come headliner in festival come Bonnaroo, Lollapalooza, Austin City Limits e Glastonbury.

0 0 voti
Votami
Iscrizione
Notificami
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
0
Fammi sapere cosa ne pensi, per favore commenta.x